EXPO, A COSA STIAMO LAVORANDO

COMUNICATO STAMPA

Expo, a cosa stiamo lavorando

Vercelli, 4 ottobre 2014

Delega al coordinamento delle attività della città in vista di Expo 2015. È questo l’incarico ricevuto da Alberto Perfumo e l’impegno che si è e ci siamo presi con il Sindaco e, prima ancora, con la Città.

Cosa significa e come lo interpretiamo? Come quasi tutti, in campagna elettorale abbiamo messo in evidenza che Vercelli ha bisogno di lavoro, ha la necessità di ripartire da qui se non vuole morire. Lo abbiamo detto e, appena possibile, ci siamo proposti per farlo: senza incarichi roboanti e senza costare un euro al Comune. La delega che abbiamo avuto è, infatti, a titolo gratuito.

Expo, infatti, è una straordinaria occasione per rimettere in moto la Città: lo è sia perché metterà in circolo energia e stimoli – a pochi chilometri da noi ci saranno espositori che arrivano da tutto il mondo, con idee, proposte, iniziative – sia perché saremo sfiorati da 20 milioni di visitatori. Vogliamo perderla?

E allora ecco che a fine luglio abbiamo cominciato a lavorare (la delega formale sarebbe arrivata ad agosto ma non c’era tempo da perdere, Expo apre i battenti il 1mo maggio 2015). Cosa si è fatto in questi due mesi?

Abbiamo censito tutte le attività che gli operatori della città e del suo territorio hanno progettato o stanno preparando, sia presso Expo che in città; l’intento è di “mettere insieme” le varie parti, valorizzando il tutto. Abbiamo inoltre cominciato a costruire la proposta della città per e a Expo. E siccome siamo ambiziosi, abbiamo subito capito che la proposta andava – doveva andare – oltre Expo. Doveva prendere le mosse da quello che la città vuol fare del suo futuro.

Lo abbiamo fatto e lo stiamo facendo con un gruppo di volontari di SiAmo Vercelli a cui si sono agganciati molti altri operatori della città: il team di lavoro, che vede coinvolto anche personale del Comune, è aperto al contributo di tutti e anzi fa della capacità di “fare rete” un suo punto di orgoglio. Approfittiamo di questa occasione in cui “facciamo il punto della situazione” per rinnovare l’appello a tutti coloro che in Città ritengono di potere dare un contributo: si uniscano a questo sforzo comune, sono i benvenuti !

Nelle prossime settimane produrremo il progetto finale, fatto di eventi, itinerari e accoglienza, completato con le soluzioni per i trasporti e le altre infrastrutture, a partire da uno spazio cittadino dedicato … quanto ci piacerebbe che Arca diventasse la “piazza dell’Expo” a Vercelli, un luogo di dibattito, presentazioni ed esposizioni, confronto, informazione, un luogo per i visitatori e i vercellesi!

30 novembre è la scadenza che ci siamo dati per completare questa fase, da dicembre si costruisce, appena in tempo per Expo.

E i soldi? Come detto, questa fase, che ha richiesto circa 40 giorni di lavoro e che altre città hanno affidato a consulenti profumatamente pagati, è gratis.

Come gratis sarà la fase di progettazione da qui a fine novembre. Poi serviranno delle risorse economiche: non si fanno le nozze con i fichi secchi. Qui avremo bisogno di una mano dall’esterno, qualcuno – Regione Piemonte in primis, ma anche privati-sponsor – che creda nel rilancio della Città, creda nella possibilità di usare Expo come trampolino, creda in Vercelli e nelle potenzialità dei suoi cittadini, a partire dai suoi giovani.

Noi ci saremo.

Condividi questo contenuto
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *