I PERCHÉ DI UN NO

I PERCHÉ DI UN NO.
LA NOSTRA POSIZIONE SUL VOTO DEL CONSIGLIO RELATIVO AL RICORSO AL TAR CONTRO LA RIFORMA SANITARIA REGIONALE: I NOSTRI DESTINI AFFIDATI AI COMUNI DI TORTONA E ASTI !

Vercelli, 17 gennaio 2015

Durante il Consiglio Comunale di giovedì 15 gennaio è stata discussa la mozione proposta dalla minoranza riguardante il ricorso al TAR per la Delibera Regionale riguardante il riordino sanitario.

SiAmo Vercelli, con l’intento di perseguire l’unità del Consiglio su una materia così importante, ha proposto una variante della mozione che lasciasse aperta l’opzione del ricorso, ma che, nel contempo, impegnasse la Giunta Comunale a continuare il dialogo politico con la Regione al fine di ottenere la formalizzazione delle rassicurazioni annunciate dall’Assessore Saitta negli scorsi giorni, in particolare durante la recente Conferenza dei Sindaci dell’ASL.

In sostanza, l’intento di SiAmo Vercelli era quello di preservare il buono che le differenti posizioni dei gruppi consiliari richiedevano: da un lato l’opzione eventuale del ricorso al TAR come strumento negoziale e risorsa di ultima istanza, dall’altro la prosecuzione delle trattative politiche, basate su un tavolo tecnico, come via maestra per ottenere ciò che spetta al nostro territorio in materia sanitaria.

Come è andata è ormai alle cronache: la proposta di SiAmo Vercelli non è stata accolta per pochi voti.

Ma non è stata neppure votata la mozione originaria proposta dalla minoranza, che impegnava tout court la Giunta a ricorrere al TAR. È stata invece approvata una versione emendata dal gruppo Cambia Vercelli che, incredibilmente (citazione testuale) “impegna il Sindaco e la Giunta a Impugnare presso il TAR la Deliberazione della Giunta Regionale, SOLO IN ACCORDO con i comuni di Tortona ed Asti”. Quindi, ora, il nostro Comune non potrà ricorrere al meglio, affidando ai legali la decisione sulla miglior strategia per Vercelli: dovrà ricorrere “SOLO IN ACCORDO con Tortona e Asti”.

Già di per se un vincolo inaccettabile se Tortona e Asti concordassero. Ci chiediamo però cosa succederebbe se Tortona e Asti decidessero all’ultimo di non essere in accordo tra di loro. Oppure ancora se decidessero di essere d’accordo tra di loro, ma di smarcarsi da un accordo di strategia con Vercelli.

Un capolavoro da azzeccagarbugli !

A poco vale la clausola successiva, che recita “salve le diverse esigenze e specificità territoriali”: questo semmai permette di differenziare i contenuti di un ricorso rispetto a quello degli altri comuni, ma non permette di ricorrere se non “IN ACCORDO con Tortona e Asti”.

Il che crea vincoli insensati e con tutta probabilità inapplicabili, e genererà una ridda di interpretazioni che, prevediamo, non faranno altro che causare ulteriori polemiche su un tema che invece richiederebbe unità di tutto il Consiglio, pacatezza e linearità di strategia.

Mentre comprendiamo appieno la posizione di chi sosteneva la mozione originaria, che come avevamo già commentato negli scorsi giorni era ben scritta, è davvero difficile, per chiunque affronti l’argomento con onestà intellettuale, capire come una tale variazione possa essere di aiuto a Vercelli.

Obbliga di fatto la città a operare scelte sulle basi delle scelte operate da altri (i Comuni di Tortona e Asti) cedendo la sovranità sui propri destini a territori diversi dal nostro e con destini sanitari che già sappiamo essere diversi da quelli di Vercelli.

Questo il motivo del nostro voto contrario.

Fortunatamente, parecchi consiglieri di minoranza hanno, già in coda al Consiglio, ammesso con onestà che la versione votata è purtroppo un peggioramento rispetto alla mozione originale.

Abbiamo troppo rispetto per l’intelligenza di tutti i Consiglieri e per la loro dedizione ai destini della Città per pensare che nessuno dei 17 votanti a favore si sia accorto del problema. Inutile nascondersi dietro a un dito: su una votazione che si giocava su scarti minimi (il risultato è infatti stato di 17 a 16) le logiche del confronto politico locale vercellese sono le sole ad aver contato, in barba alla sensatezza del contenuto della mozione stessa e all’obiettivo di tutelare la sanità vercellese.

Doverosamente, registriamo il risultato e ovviamente chiediamo alla Giunta di operare conseguentemente rispetto al mandato consigliare. Ma, lo dice la legge, non potrà essere il TAR – che al più può annullare decisioni della Regione, non migliorarle – a consegnarci la riforma sanitaria di cui Vercelli ha bisogno.

Per questo motivo, come già annunciato, SiAmo Vercelli proseguirà in queste ore – e chiede lo stesso a tutti coloro che possono agire in tal senso, a partire dal Sindaco –  a lavorare sui canali diplomatici, tecnici e politici al fine di ottenere la formalizzazione delle rassicurazioni che Vercelli chiede. Cosa a cui abbiamo già dimostrato di tenere più che a ogni altra logica di basso cabotaggio locale, assumendo anche nel recente passato posizioni mediaticamente scomode, con coraggio e senza calcoli.

L’abbiamo già detto: in questi momenti, ancora più di sempre, le schermaglie ideologiche e le “tattiche” politiche non hanno senso d’essere. Confidiamo che coloro che tengono a Vercelli più che al primato di bottega prevalgano su tutto il resto.

Condividi questo contenuto
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *