iNTERVISTE AI cONSIGLIERI: fEDERICA cARAMINI E fEDERICA Anino

Federica Caramini
Federica Anino

Le protagoniste della nostra intervista di oggi condividono non solo il nome, ma anche l’entusiasmo e l’energia che hanno profuso in questi due mesi di campagna elettorale. Sempre presenti ai gazebo, ai porta a porta, agli eventi: salutiamo Federica Caramini e Federica Anino.

Bentrovate!Iniziamo, come sempre, con una breve presentazione personale.

FEDERICA C:

Sono Federica, ho 36 anni, sono nata e vivo a Vercelli. Dopo aver terminato gli studi turistici ho lavorato all’estero per otto anni in strutture di diverse catene alberghiere collaborando sia con Tour Operator italiani che internazionali. Ad oggi sono impiegata commerciale presso un’azienda di Vercelli che si occupa di vendite per l’industria ceramica al di fuori della Comunità Europea e seguo personalmente i mercati di diversi Paesi.

FEDERICA A:

Federica Anino, 40 anni, vercellese da sempre. Per dieci anni ho lavorato in ambito risorse umane e da un anno sono impiegata nel settore del welfare aziendale. Mi definisco “patriottica”, fortemente legata alle tradizioni e alla mia città. Lettrice incallita e tifosa di Pro Vercelli e Juventus.

Siete entrambe molto giovani e vi affacciate in politica attiva per la prima volta. Cosa vi ha spinto ad accettare la proposta di candidatura a consigliere?

FEDERICA C:

Quando mi è stato proposto di candidarmi c’è stato un attimo di sorpresa e, in seguito, una riflessione accurata. E’ sicuramente una responsabilità da portare avanti con la massima dedizione e serietà ma significa avere la possibilità di cambiare le cose e di farlo nel modo giusto, impegnarsi attivamente “sul campo” anziché restare ad osservare dagli spalti. La decisione di candidarmi nasce semplicemente dal fatto che Vercelli mi ha dato e continua a darmi tanto ogni giorno e sono fermamente convinta che qui si possa vivere bene.

FEDERICA A:

La decisione di accettare la proposta alla candidatura arriva dopo un periodo di importanti cambiamenti personali e situazioni che mi hanno fatto pensare: “È ora di dare una svolta alla mia vita”. Ecco, quindi, una nuova sfida sicuramente impegnativa, ma che mi metterà alla prova. Io la affronterò con entusiasmo e serietà.

SiAmo Vercelli, lo avrete visto bene in questi mesi, ha delle peculiarità tutte sue rispetto ai vecchi partiti tradizionali. Cosa vi ha convinto di più?

FEDERICA C:

Ciò che mi ha subito colpita è che SiAmo Vercelli si preoccupa davvero di quelle che sono le esigenze di Vercelli. Non ci sono linee guida imposte “dall’alto” e non ci sono secondi fini di nessun tipo: c’è un programma che è fatto su misura, cucito addosso alla città in base a ciò che manca e a ciò che deve essere migliorato o corretto e questo per me significa moltissimo.
Nel movimento ho inoltre trovato un gruppo di persone serie ed estremante competenti, un gruppo affiatato mosso dallo stesso amore per la propria città e dalla stessa voglia di scendere in campo per vederla crescere e rinascere.

FEDERICA A:

Ho seguito SiAmo Vercelli già cinque anni fa e posso dire che da fuori ho sempre percepito entusiasmo, motivazione a far bene e spirito di gruppo. 
Ora che ci sono dentro confermo le mie impressioni. È come essere in una squadra di calcio: ognuno con il proprio ruolo, tutti indispensabili, complementari e “carichi”. Nella nostra squadra, però, non ci sono riserve, siamo tutti in campo. In SiAmo Vercelli non ci chiediamo cosa ci rende felici, ma cosa possiamo fare per esserlo.

La città, sebbene si tenti di dire il contrario, è abbastanza disastrata e ha bisogno di interventi su più direttrici. Su cosa vi piacerebbe lavorare?

FEDERICA C:

Indubbiamente sui settori commercio e turismo. Vercelli ha davvero molto da offrire ed è importante valorizzare la città anche attraverso i giusti servizi e l’offerta. Sono due ambiti strettamente collegati, il turismo genera lavoro per le attività e l’offerta commerciale contribuisce ad attirare visitatori dall’esterno. E’ importante lavorare in sinergia per creare il giusto flusso, supportare chi vuole investire ed offrire un pacchetto completo a chi sceglie di visitare la nostra città, per renderla un’esperienza unica sotto tutti i punti di vista, come già succede in moltissime altre realtà alle quali non abbiamo nulla da invidiare. Abbiamo le idee giuste per far sì che Vercelli torni ad essere una città viva.

FEDERICA A:

Uno degli aspetti che più mi interessa, da molto ormai, è la pulizia della città. Penso, ad esempio, che avere un buon servizio di raccolta differenziata sia un buon l’inizio per creare un ambiente sano, vivibile e che “profuma di buono”. Mi piacerebbe che tutti i cittadini ci pensassero anche solo un minuto: io, per quanto possibile, ci provo.

Grazie a entrambe per la chiacchierata e buon lavoro!

Condividi questo contenuto
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *