PD E SIAMO VERCELLI POSITIVI SUL BILANCIO DI PREVISIONE

COMUNICATO STAMPA

PD E SIAMO VERCELLI POSITIVI SUL BILANCIO DI PREVISIONE
Riconoscenti alla neo-formata Giunta per aver ben lavorato

Vercelli, 5 agosto 2014

 

In solo un mese l’amministrazione comunale ha deliberato il bilancio preventivo 2014. C’era l’obiettivo, molto ambizioso, che venisse licenziato dalla Giunta entro il 31 luglio 2014 e l’obiettivo è stato centrato, nonostante i termini di legge consentissero di arrivare al 30 settembre 2014.

La neo-formata Giunta ha dovuto fare i conti con una riduzione dei trasferimenti da Stato e Regione e con una spesa fortemente condizionata da scelte già operate nei primi sei mesi dell’anno.

È stato evidentemente messo in atto un grande sforzo per razionalizzare e contenere la spesa comunale, senza tuttavia intaccare il livello di servizi offerti alla cittadinanza, soprattutto quelli rivolti a chi oggi è più in difficoltà a causa della crisi economica.

Non sono stati apportati i famigerati tagli lineari, bensì sono state valutate puntualmente le spese, cercando di incidere su quelle non fondamentali e tutto il lavoro ha permesso di contenere la previsione di spesa corrente per l’anno 2014 sostanzialmente sullo stesso livello del 2013.

“Per supplire alle minori risorse provenienti da Stato e Regione – spiega Daniele Peila, segretario cittadino del PD – è stato necessario agire anche sul versante fiscale. Lo si è fatto cercando di minimizzare l’impatto sulle categorie più deboli e sulle realtà commerciali oggi più in difficoltà. L’Amministrazione – precisa Peila – ha scelto di non applicare la TASI sulle seconde abitazioni, così come su negozi e botteghe. E` una scelta che condividiamo, vista la congiuntura economica”.

Sulle prime abitazioni non di lusso sarà applicata la TASI allo 0,33%, riducendone l’impatto sui proprietari di abitazioni con rendita minore attraverso un meccanismo di detrazioni. Nonostante le notizie provenienti da altri Comuni circa aumenti per la tassa sui rifiuti (TARI, la vecchia TARSU o tassa “dei bidoni”) nell’ordine del 300% per le imprese, a Vercelli gli importi saranno sostanzialmente a livello dell’anno precedente (è previsto un incremento del 4% legato essenzialmente all’adeguamento Istat).

Sono state individuate risorse per esentare dal pagamento dell’addizionale comunale 860 vercellesi in più rispetto all’anno scorso. Pertanto più di 11.000 vercellesi saranno esentati dal tributo.

Sono state mantenute le agevolazioni per le unità immobiliari oggetto di nuovi impianti a fonte rinnovabile per la produzione di energia elettrica o termica per uso domestico, così come quelle relative alle abitazioni concesse in uso gratuito ai figli o ai genitori o per quelle concesse in locazione con contratto a canone concordato a titolo di abitazione principale.

“Il mio movimento, il Partito Democratico e chi li rappresenta in amministrazione comunale – sottolinea Alberto Perfumo, capogruppo di SiAmo Vercelli – sono abituati ad accettare le sfide, quelle difficili, e a mantenere le promesse e stavolta sono serviti coraggio, passione e tanto, tanto lavoro.  Lo ribadiamo nuovamente: non solo nessun servizio ai cittadini è stato tagliato, ma neppure anche solo ridotto”.

“Questo è un bilancio transitorio – precisano Peila e Perfumo – e per l’anno prossimo siamo convinti di poter fare di più per dare una svolta decisiva al rilancio di Vercelli, ma già questo, per le tempistiche di approvazione, per l’assenza di tagli lineari, per l’attenzione alle fasce più deboli e alle aziende in difficoltà, è un segnale importante di rottura col passato. Siamo soddisfatti del lavoro impostato e ringraziamo il sindaco Maura Forte, l’Assessore al bilancio Alberto Gibin e tutta la Giunta”.

Daniele Peila                                                                  Alberto Perfumo

Segretario PD Vercelli                                             Segretario SiAmo Vercelli

Condividi questo contenuto
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *