Piano strategico a Mecenate90: emergono elementi gravissimi

pozzo-san-patrizio

Vercelli, 14 gennaio 2016

Per l’ottimista nulla rimane impunito. Nemmeno in campo politico. E noi siamo ottimisti.

Per questo è stata protocollata ieri una mozione, firmata dal gruppo consiliare di SiAmo Vercelli, sorretta dalle competenze di nostri illuminati concittadini, tra cui Gilberto Valeri, come noi preoccupati della china che sta prendendo il Piano Strategico (sempre più simile ad un inesauribile Pozzo di San Patrizio), con lo scopo di annullare l’assegnamento all’Associazione romana Mecenate90.

Tanti, troppi sono i dubbi circa la regolarità dell’assegnamento dell’incarico, la presenza delle necessarie competenze tecniche, la mancanza di trasparenza riguardo i fondi necessari alla remunerazione di Mecenate90.

Analizzando accuratamente delibere, documenti, linee guida, ci siamo trovati a dover trarre due (entrambe gravissime) conseguenze:

  • Una prima possibilità è che il Sindaco e la Giunta hanno ceduto la gestione della strategia di sviluppo del Comune di Vercelli a privati (Confindustria e Mecenate 90). In tal caso, indipendentemente dai costi generati (la parte riguardante le “risorse umane, idonei uffici, strumentazione informatica …”), sussiste un grave elemento sul piano amministrativo: la gestione POLITICA del futuro della Città non può essere affidata a terzi.
  • Se, in alternativa, la gestione resta al Comune di Vercelli, è stato evitato, su incarichi da centinaia di migliaia di euro, un bando di gara obbligatorio per legge.

O è l’una, o è l’altra.
Dovunque si cada, siamo di fronte a elementi gravissimi.

Doverosa quindi la mozione che chiede un passo indietro al Sindaco, la quale è sempre più volta ad una gestione dell’amministrazione di tipo particolaristico e personale.

Niente di più lontano dal nostro modo di intendere il compito istituzionale.

I numerosi temi collegati con il “pastrocchio” di Vercelli2020 verranno approfonditi in una conferenza stampa che convocheremo a breve.

Condividi questo contenuto
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *