PROBLEMA CIMITERI: LE PROPOSTE DI SIAMO VERCELLI

CIMITERI: LE PROPOSTE DI SIAMO VERCELLI PER OVVIARE AI PROBLEMI IN MATERIA DI SEPOLTURE

Vercelli, 9 febbraio 2015

Negli ultimi anni le richieste di tumulazione all’interno dei cimiteri cittadini sono state evase con una tariffazione elevata e una ridotta scelta di posti.

Presso il Cimitero di Billiemme, infatti, sono rimasti disponibili solo una decina di colombari mentre 10 delle 12 edicole funerarie costruite ex novo in S. Albino risultano a tutt’oggi libere sia per le dimensioni sia per  l’elevato costo che ne scoraggia la domanda.

Analogamente, presso il Cimitero dei Cappuccini non vi è alcuna disponibilità di colombari e potrebbero essere concesse solo aree di grandi dimensioni superiori anch’esse per grandezza e oneri finanziari alle esigenze dell’utenza.

Alla luce di queste considerazioni e della conseguente insoddisfazione dell’utenza, SiAmo Vercelli si fa interprete del desiderio dei cittadini di poter scegliere una consona sepoltura, consapevole d’altra parte del dovere da parte dell’amministrazione comunale di assicurare e consentire una degna tumulazione a ogni persona deceduta all’interno del proprio territorio.

A questo scopo, pertanto, in occasione della predisposizione del bilancio preventivo 2015 e pluriennale 2015/2017 SiAmo Vercelli propone alla Giunta Comunale di ridefinire le tariffe di concessione sulle aree di nuova lottizzazione del Cimitero di Biliemme, nonché su quelle dichiarate decadute, al fine di adeguare i costi alle esigenze di una maggiore utenza.

Analogamente, SiAmo Vercelli ritiene opportuno aumentare il numero di colombari da costruirsi presso il Cimitero dei Cappuccini rivalutando il Piano Regolatore cimiteriale in modo da prevedere metrature più adatte alla richiesta e alle attuali disponibilità finanziarie dell’utenza.

Su tutto quanto sopra esposto, SiAmo Vercelli ha presentato un Ordine del Giorno da discutere al prossimo Consiglio Comunale.

Link a OdG SiAmo Vercelli – Proposte Cimiteri

Condividi questo contenuto
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *