Prove di inciucio ?

inciucio

Vercelli, 27 febbraio 2016

All’inizio della settimana, sui uno dei giornali vercellesi ha tenuto banco la notizia del rimpasto di Giunta che porta a nove il numero di assessori, il massimo consentito dalla legge in barba a ogni promessa elettorale.

Qualcuno ha constatato che il Sindaco aveva provveduto all’ennesimo rimpasto per puntellare la sua maggioranza. Ma che, forse, non sarebbe bastato comunque. Forse bisognava aprirsi al supporto esterno di altre forze politiche, come Vercelli Amica, la forza di Enrico Demaria, il candidato sindaco che al ballottaggio si era opposto a Maura Forte.

Ebbene, quel che pareva incredibile a qualunque persona di buonsenso, è puntualmente avvenuto giovedì in Consiglio Comunale: in una votazione importantissima, legata all’approvazione del DUP, il documento di programmazione triennale – quello che definisce le linee di sviluppo della città, i consiglieri di Vercelli Amica si sono astenuti, venendo in aiuto al Sindaco.

Senza questo aiuto, il documento (che programma il futuro della città, ma – incredibilmente – non contiene una sola parola sul tema piscine o sulla salvaguardia del Sant’Andrea) non avrebbe ricevuto il voto positivo dal Consiglio !

Solo un caso ? Lo vedremo facilmente ai prossimi appuntamenti. Sarà facile verificare come si comporteranno le forze di opposizione: come voteranno o – perché anche questo conta, eccome – quando si assenteranno dal Consiglio per far mancare il loro voto.

E, in questo scenario, che fa SiAmo Vercelli?

Secondo qualcuno, se fossimo più “esperti” dovremmo – o avremmo dovuto nei mesi scorsi – trovare un’intesa.

Ma essere esperti significa sederci a pasteggiare a questa mensa ingloriosa? Perché, se è così, allora sì: SiAmo Vercelli è inesperta. E lo è orgogliosamente.

La verità, secondo noi, è invece che coerenza e trasparenza, rispetto di quanto promesso agli elettori, sono elementi fondamentali e imprescindibili per una politica diversa dal passato.

Anche il nostro apparentamento, e la successiva uscita dalla maggioranza – avendo constatato che il Sindaco voleva altro rispetto a quanto concordato e promesso ai cittadini – sono dettati da coerenza e trasparenza.

Inutile parlare di politica nuova e poi praticare il vecchio, pur di stare nella stanza dei bottoni.

Magari potrai passare per “esperto”, ma finirai per aggiungerti alla schiera di chi ha occupato posti di potere senza cambiare la Città di una virgola.

Trovare un’intesa a quale scopo, poi ! A fatica si ricorda un’amministrazione meno capace di quella del sindaco Forte di dare risposte ai problemi della città, con dimissioni a raffica e promesse non mantenute.

Non ci sorprende che ci siano puntelli al sindaco da ogni parte. SiAmo Vercelli è stata attaccata e (continuerà ad esserlo) con tutti i mezzi. Sia nel palazzo, che fuori. Anche con colpi sotto la cintura.

SiAmo Vercelli è isolata, perché – l’abbiamo detto quando siamo nati due anni fa – vogliamo non solo fare una politica nuova, ma anche farlo in un modo nuovo.

E persevereremo.

Se saremo bravi a farlo capire alla Città, e la Città ci seguirà, avremo, crediamo, fatto il bene di Vercelli.
Se non succederà, avremo almeno la soddisfazione di aver rifiutato compromessi al ribasso pur di occupare una poltrona.

E comunque andrà – esperti o no – non avremo fallito.

Condividi questo contenuto
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *