SiAmo Vercelli presenta una mozione per combattere l’abbandono in strada dei rifiuti

Vercelli, 20 luglio 2015

In diversi punti della nostra città vengono abbandonati, in modo indiscriminato e incivile, rifiuti lungo la pubblica via, che risultano essere causa della proliferazione di colonie di topi e che, come documentato da numerosi cittadini, a volte, sono addirittura dati alla fiamme.

Queste condotte, oltre a essere dannose per l’ambiente, pregiudicano il decoro urbano e possono essere pericolose per la salute e per la sicurezza dei cittadini.

Riteniamo che l’Amministrazione Forte non stia facendo abbastanza per tutelare ambiente e cittadini e per combattere questi fenomeni non degni di un paese civile, come è palese a tutti, visto che la città appare sempre più sporca. Per questo motivo i consiglieri comunali di SiAmo Vercelli hanno presentato, come annunciato nei giorni scorsi, una mozione per combattere questo fenomeno.

La mozione chiede, in sintesi, un aumento della sorveglianza, anche con l’acquisto di telecamere mobili, un inasprimento delle sanzioni per chi viene sorpreso ad abbandonare rifiuti e l’estensione dell’orario di apertura del Centro Multi Raccolta.

Nel dettaglio, è articolata nei seguenti punti:

  • prevedere l’acquisto di una o più telecamere mobili da installare, periodicamente, nei vari punti della città;
  • aumentare la vigilanza, utilizzando anche personale in borghese, nei pressi delle zone più colpite da tali fenomeni;
  • applicare, a chi viene sorpreso ad abbandonare rifiuti, la misura massima della sanzione prevista dal regolamento citato (500 euro), prevedendo un meccanismo di inasprimento sanzionatorio, proporzionale alla recidività e all’entità delle violazioni;
  • prevedere che il Comune si costituisca parte civile laddove si configurino i delitti contro l’ambiente di cui agli artt. 452 bis e 452 ter c.p.;
  • attivare un apposito indirizzo mail a cui segnalare le condotte di cui alle premesse, fornendo elementi che permettano alle forze dell’ordine e/o ai vigili urbani di intervenire in modo efficace e circostanziato;
  • estendere l’orario di apertura del Centro Multi Raccolta (CMR) per almeno 12 ore al giorno, dando la possibilità di accedervi anche ai numerosi cittadini che lavorano fuori città;
  • pianificare, tenendo conto delle esigenze di bilancio, l’apertura in diverse aree della città, di più Centri Multi Raccolta videosorvegliati, che consentano l’eliminazione dei cassonetti dalle strade, così da incrementare l’efficienza del servizio di raccolta e prevenire la commissione di tali atti, dannosi e riprovevoli.

Condividi questo contenuto
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *