Archivi tag: Torazzo

Defribrillatori: raccolti i soldi per acquistarli, ma in città non ci sono. L’intervento in Consiglio di Renata Torazzo.

VIVA-LOGO

Vercelli, 28 aprile 2016

Chiaro ed efficace l’intervento di oggi in Consiglio della rappresentante di SiAmo Vercelli, Renata Torazzo, in reazione alla risposta – come sempre insoddisfacente e inesaustiva, e ancora una volta consapevolmente fuorviante – data dal Sindaco in relazione all’interrogazione “Città Cardioprotetta” (mozione approvata in data 27 novembre 2014)  presentata dal Gruppo Consiliare “SiAmo Vercelli ” in data 3 Giugno 2015.

“I defibrillatori non sono stati acquistati, nonostante i soldi raccolti per questo scopo durante la settimana dell’evento “Viva” (settimana europea dedicata alla sensibilizzazione all’arresto cardiaco).

I soldi sono stati raccolti – ha continuato Torazzo – ma non sono stati usati e per un principio contabile sono stati messi in un fondo per ovviare ai problemi di bilancio (entrate-uscite): se avessimo previsto tali e tante difficoltà nell’usare i soldi regalati dai cittadini per i defibrillatori, sarebbe stato molto più semplice dirlo e avremmo  fatto esattamente come per la Prefettura :la donazione diretta dei defibrillatori”.

Il Sindaco, senza memoria o forse senza vergogna, sostiene, per iscritto,  “l’iniziativa per la raccolta fondi è sicuramente meritoria e se gli organizzatori vorranno si potrà estendere”. Anche su questa argomentazione Torazzo è molto chiara   “Volevo ricordare al Sindaco che la “settimana Viva ” non è stata organizzata da Renata Torazzo, che si è fatta solo carico del lavoro manuale .. ma l’organizzatore è il Comune di Vercelli, come recitavano le locandine e il sito del Comune stesso !”

E ancora le implicazioni con l’Assessorato allo Sport: “Per ben 2 volte l’assessore Nulli Rosso  mi ha chiesto dove erano i soldi per i defibrillatori perché ne aveva bisogno per le palestre …. ma non vi parlate ?  Vorrei ricordare a Sindaco e assessori che i fondi sono stati raccolti dai cittadini per avere i defibrillatori posizionati in città.”

Un’altra conseguenza dell’incuria  della Giunta è che quest’anno la Settimana europea dedicata alla sensibilizzazione all’arresto cardiaco  nel Comune di Vercelli NON è stata organizzata .  A questo proposito Renata Torazzo esprime tutto il suo rammarico “mi è spiaciuto moltissimo poiché l’attività si  coniugava con il progetto “kids save lives” per le scuole primarie e secondarie, che prevedeva l’addestramento degli insegnanti e la distribuzione di un kit gratuito per addestrare gli studenti  alle manovre di rianimazione.  E proprio un’insegnante – come è il Sindaco – non si è ricordata di un appuntamento così importante !”

In chiusura la consigliera Torazzo ricorda che i contributi per l’acquisto di defibrillatori sono stati raccolti anche in altre occasioni   “Durante le feste di Natale  ho chiesto a un gruppo di incisori vercellesi (tra cui Roberto Gianinetti) di produrre e donare biglietti d’auguri che sono stati venduti in via Veneto in collaborazione con l’organizzazione “Cuore Vercellese” ; sono stati donati dal Panathlon 200 euro, 500 euro sono stati donati dall’Associazione  “Amici del martedì”  e 180 euro sono stati donati in memoria di Vincenzo Incorvaia . Non mi sembra ci sia mai stato neppure un ringraziamento ufficiale del Comune” .

E continua “In compenso il Sindaco sul suo profilo Facebook scrive ‘Grazie a nome di tutta la città . Il progetto Viva ha permesso di avere 3 defibrillatori in città e 12 cittadini con il brevetto per usarli.’  MA QUALI ?  Sull’ultimo quesito posto da Siamo Vercelli ‘se e quanti defibrillatori sono stati acquistati e dove sono stati posizionati’ rispondo io stessa: NESSUNO ! Il Sindaco si è posta almeno la domanda ‘quante vite umane sono state e saranno messe a rischio?'”

Condividi questo contenuto
  •  
  •  
  •  
  •  

La Nuova Politica

LETTERA APERTA AI DIRIGENTI, AI MILITANTI E AGLI ELETTORI DEL PARTITO DEMOCRATICO

Vercelli, 10 ottobre 2015

Abbiamo letto ieri la presa di posizione del segretario cittadino del PD Daniele Peila e del segretario provinciale Gian Paolo De Dominici rispetto alla mozione di sfiducia al Sindaco presentata da 15 consiglieri comunali.

In un passo fanno un chiaro riferimento a SiAmo Vercelli, il movimento che rappresentiamo in Consiglio Comunale: “Molto meno comprendiamo – dicono Peila e De Dominici – (le motivazioni) di altri che rendono possibile la presentazione di una mozione di sfiducia al Sindaco che hanno votato e con cui hanno governato.”

“Se questa è la nuova politica…”, concludono.

Da parte nostra, capiamo molto bene la necessità che il Partito Democratico ha di difendere sempre e comunque il Sindaco che ne è espressione. L’uscita di Peila e De Dominici è quindi una posizione quasi “dovuta”, e non stupisce affatto. Umanamente, ci sentiamo addirittura di esprimere loro vicinanza.

Ci sorprende invece la loro concezione di “nuova politica”.

SiAmo Vercelli ha convintamente sottoscritto l’apparentamento con il Sindaco Maura Forte e successivamente, con grande profusione di energie e senza calcoli, ha lavorato perché questa Sindacatura fosse un successo.

Ma l’accordo era basato – e questo Peila, che ne era uno degli artefici, non può non saperlo – su un programma di rinnovamento non solo dei contenuti, ma anche dei metodi con cui si fa politica a Vercelli.

Ebbene, è parso via via (e, purtroppo, senza neppure dover attendere molto tempo) che il Sindaco aveva concepito l’apparentamento con SiAmo Vercelli come foglia di fico per accaparrarsi l’immagine di una politica nuova, ma nei contenuti, e ancor più nei metodi, nulla era cambiato.

Ci abbiamo provato, e soprattutto Daniele Peila lo sa bene, con tutte le nostre forze, con estremo rispetto e sempre con chiarezza e senza calcoli.

Se non sosteniamo più questa amministrazione è per un atto di coerenza con il mandato elettorale. E si badi: il mandato ce l’hanno dato non solo i “nostri” elettori, ma anche quelli di PD e Cambia Vercelli.

Siamo noi a chiedere a Peila e De Dominici se pensano, in sincerità, che questa Amministrazione incarni e rappresenti quel mandato.

Dove sta il rispetto del programma elettorale condiviso e firmato ? Dove la trasparenza tanto sbandierata ?

Cosa c’era di nuovo e trasparente nel modo in cui ripetutamente si sono fatte promesse regolarmente non mantenute, ad esempio sulle piscine ?

Dove sta il rispetto degli elettori nel non far nulla per curare una città sempre più sporca e maltrattata ?

Dove sta la trasparenza nell’incredibile pseudo-affidamento da diverse centinaia di migliaia di Euro dei lavori sul Piano Strategico della città a un’associazione amica, senza alcuna gara, e tenendo all’oscuro tutti i componenti della giunta ?

Dove stava la voglia di lavorare insieme a SiAmo Vercelli per una politica nuova quando il Sindaco – e tu, caro Daniele, lo sai bene – tramava con gli ammutinati di Cambia Vercelli e i ribaltonisti di SEL e Voce Libera per rendere “inoffensive” le richieste di buon governo e di trasparenza amministrativa di SiAmo Vercelli ?

Dove sta l’onestà nei confronti dei cittadini quando ad esempio, nel bilancio 2015, si raddoppiano le rette degli asili per le famiglie con i redditi più bassi e si propaganda tutto ciò come riduzione ?

E tutto questo è stato regolarmente condito da una totale assenza di capacità di guida su questioni importantissime per la nostra città come quella della sanità e dell’Ospedale. Il Sindaco sempre in retroguardia, stretta tra la paura di non vedere impattata la propria carriera politica contravvenendo agli ordini del PD Regionale, e le pressioni che, comprensibilmente e doverosamente, provengono dalla città. In tutto ciò, nessuna proposta, nessuna posizione chiara. Fino ai pasticci del ricorso al TAR e al disastro dell’Assemblea dei Sindaci di questa settimana.

La verità, cari Daniele e Gian Paolo, è che il Sindaco non sa fare il Sindaco, e ha più e più volte mentito e cercato compromessi al ribasso pur di conservare la sua poltrona.

Lo sapete bene: i rapporti con la maggior parte dei militanti e dei Consiglieri del Partito Democratico che dirigete erano e rimangono ottimi. C’è, condiviso con loro e credo con molti elettori del PD, il rammarico per quello che si sarebbe potuto costruire lavorando insieme e che non è stato reso possibile da pochissimi, ma purtroppo in posizioni chiave.

Ebbene, ormai più di un consigliere comunale del Partito Democratico in privato ci ha confessato che il Sindaco non è adeguato a fare il Sindaco e che non si sta facendo quanto promesso agli elettori. Se siamo arrivati a questo punto, è davvero segno che serve voltare pagina !

Noi ci abbiamo provato fino all’ultimo, spesso calpestando anche il senso di orgoglio per comportamenti insultanti nei nostri confronti.

Abbiamo lasciato per semplice coerenza, quella che pensiamo di dovere agli elettori.

E, se solo ci pensate, noterete che nessuno prima di SiAmo Vercelli ha lasciato, con dimissioni (quelle vere: immediate e irrevocabili, annunciate dopo averle protocollate), due assessorati pesantissimi e la carica di Vicesindaco, per coerenza e rispetto degli elettori.

Nessuno prima di SiAmo Vercelli ha lasciato, con dimissioni immediate e irrevocabili, la vicepresidenza del Consiglio Comunale, per linearità e rispetto verso tutto il Consiglio e soprattutto verso il vostro partito.

Quello che nessuno ha fatto prima, si chiama, appunto “nuovo”.

“Se questa è la nuova politica…”, dite voi ? Noi pensiamo di si.

Pier Giuseppe Raviglione
Luca Simonetti
Cristiano Sirianni
Renata Torazzo
Marcello Trada
Gian Luca Zanoni

Condividi questo contenuto
  •  
  •  
  •  
  •  

Approvata la mozione sulla Family Card

FAMILY CARD: RENATA TORAZZO RINGRAZIA IL CONSIGLIO COMUNALE PER L’APPROVAZIONE DELLA MOZIONE DI SIAMO VERCELLI
Vercelli, 24 marzo 2015

Con 18 voti favorevoli e 6 astenuti, lo scorso Consiglio Comunale ha approvato l’istituzione della Family Card proposta con una mozione da SiAmo Vercelli.

Questo il commento di Renata Torazzo, relatrice della mozione: “È necessario in un momento di grave crisi per le famiglie e l’economia cittadina, che l’Amministrazione reperisca modalità efficaci per andare incontro alle fasce più deboli. La ‘Family Card’ proposta da SiAmo Vercelli è uno strumento che consentirà alle famiglie vercellesi che vivono un momento di difficoltà di usufruire di sconti e/o agevolazioni presso una rete di operatori del territorio e, nel contempo, a commercianti e artigiani vercellesi un’opportunità per incrementare la propria attività.”

La Family Card sarà destinata a tutte le famiglie residenti a Vercelli sulla base di requisiti stabiliti documentabili .

La proposta di Siamo Vercelli prevede che l’adesione degli operatori al progetto non comporti nessun costo a loro carico, salvo l’impegno agli sconti concordati. Il Comune pubblicherà e aggiornerà il loro elenco e garantirà agli operatori visibilità con materiale pubblicitario (locandine, manifesti, mailing, sito internet ed altro) così come con articoli sulla stampa locale. Queste costituiranno per il Comune di Vercelli gli unici, e perciò limitati, costi relativi al progetto.

“Ringraziamo i Consiglieri che hanno sostenuto questa proposta, volta, in un periodo di crisi economica, ad aiutare le famiglie e i commercianti e gli artigiani vercellesi.” – ha concluso Renata Torazzo.

Condividi questo contenuto
  •  
  •  
  •  
  •  

MOZIONE PER L’ISTITUZIONE DELLA “FAMILY CARD”

COMUNICATO STAMPA

SiAmo Vercelli presenta la mozione per l’istituzione della “Family Card”
Torazzo: “Una misura per agevolare gli acquisti dei cittadini e per aiutare il commercio cittadino”

Vercelli, 8 gennaio 2015

SiAmo Vercelli depositerà una mozione da votare nel Consiglio Comunale in calendario a febbraio per l’istituzione di una “Family Card”.

“È necessario – commenta Renata Torazzo, Consigliere Comunale di SiAmo Vercelli – in un momento di grave crisi per le famiglie e l’economia cittadina, che l’Amministrazione reperisca modalità efficaci per andare incontro alle fasce più deboli. La “Family Card” proposta da SiAmo Vercelli è uno strumento che consentirebbe alle famiglie vercellesi che vivono un momento di difficoltà di usufruire di sconti e/o agevolazioni presso una rete di operatori del territorio e, nel contempo, a commercianti e artigiani vercellesi un’opportunità per incrementare la propria attività”

La Family Card sarà destinata a tutte le famiglie residenti a Vercelli sulla base di requisiti stabiliti documentabili .

La proposta di Siamo Vercelli prevede che l’adesione degli operatori al progetto non comporti nessun costo a loro carico, salvo l’impegno agli sconti concordati. Il Comune pubblicherà e aggiornerà il loro elenco e garantirà agli operatori visibilità con materiale pubblicitario (locandine, manifesti, mailing, sito internet ed altro) così come con articoli sulla stampa locale. Queste costituiranno per il Comune di Vercelli gli unici, e perciò limitati, costi relativi al progetto.

Ancora una volta l’impegno di SiAmo Vercelli è in direzione del benessere della città e dei cittadini.

Per questo SiAmo Vercelli auspica ampia collaborazione su un tema per il quale l’Amministrazione e tutte le forze presenti in Consiglio Comunale dimostrano grande attenzione.

Condividi questo contenuto
  •  
  •  
  •  
  •  

GRAZIE AGLI AMICI DEL MARTEDI!

COMUNICATO STAMPA

SIAMO VERCELLI: “GRAZIE AGLI AMICI DEL MARTEDÌ!”

Vercelli, 17 dicembre 2014

Venerdì 12 dicembre si è tenuta all’Hotel Modo la cena natalizia a scopo benefico organizzata dall’associazione Amici Del Martedì.

Quest’anno l’associazione ha destinato parte del ricavato al Progetto “Viva!”, consegnando la somma di Euro 500 a Renata Torazzo, sostenitrice della prima ora del progetto e organizzatrice della settimana di sensibilizzazione all’arresto cardiaco nella nostra città.

Questa donazione, che è già stata prontamente girata al Comune di Vercelli, servirà come contributo per l’acquisto di un defibrillatore.

SiAmo Vercelli si unisce al proprio Consigliere Renata Torazzo nel ringraziare gli Amici Del Martedì e, in particolare, Angelo Busca.

Condividi questo contenuto
  •  
  •  
  •  
  •  

“VIVA!”, L’EVENTO E’ STATO UN SUCCESSO

COMUNICATO STAMPA

 “Viva!”, l’evento organizzato da Renata Torazzo di SiAmo Vercelli, è stato un successo!

Vercelli, 20 ottobre 2014

Ieri, domenica 19 ottobre, si è conclusa la settimana europea di sensibilizzazione all’arresto cardiaco. Durante questo periodo si sono organizzati in tutta Italia eventi sotto il cappello di “Viva!”, come indicato dall’Italian Resusitation Council (IRC). Grazie all’impegno del Consigliere di SiAmo Vercelli Renata Torazzo anche la nostra città, per la prima volta, si è unita all’iniziativa nazionale ed europea e grazie all’impegno di molti, Renata in primis, siamo riusciti a raggiungere obiettivi significativi. Ecco i risultati preliminari della campagna:

  • 3 sono i defibrillatori semiautomatici esterni (chiamati DAE) che siamo risusciti ad ottenere senza dover attingere alle casse del Comune: uno per il quale va ringraziata la famiglia Francese, che l’ha donato in memoria di Mara Mazzetto (il DAE sarà consegnato alla Prefettura dove Mara lavorava durante una cerimonia ufficiale presieduta dal Prefetto); un secondo defibrillatore è stato donato dalla società INTERSER SPA, mentre il terzo potrà essere acquistato grazie alle donazioni dei cittadini che attualmente sommano a 1081€.
  • 12 sono i cittadini che hanno ricevuto il tesserino di abilitazione all’uso del DAE dopo aver superato il corso di addestramento di 4 ore, tenuto sabato mattina presso le aule della formazione ASL. Il corso IRC (Italian Resuscitation Council) è stato completamente gratuito per i cittadini e per il Comune, grazie a Viva che ha anche fornito tutto il materiale cartaceo informativo ed i gadget; ricordiamo infatti che non basta acquistare i dispositivi medicali: sensibilizzazione, informazione e addestramento sono altrettanto necessari per poter salvare una vita.
  • 250 sono i vercellesi che hanno partecipato alle nostre dimostrazioni in piazza Cavour e in viale Garibaldi; alla “Camminata del Cuore” di domenica mattina ed alla conferenza “Senti il Battito” tenuta al Dugentesco domenica mattina.

SiAmo Vercelli si unisce al proprio Consigliere Renata Torazzo nel ringraziare tutti, ma proprio tutti coloro che hanno aiutato e partecipato:

  • IRC che ha dato vita a VIVA;
  • gli instancabili istruttori IRC Marzia Bertolazzi, Danilo Reale, Laura Capellino, Angela Lopiano e Cristina Alessandro che si sono impegnati con tutto il cuore in questa impresa;
  • l’ASL, in particolar modo il Direttore Generale avv. Federico Gallo, che ha permesso di usare le aule per la formazione ed il materiale didattico ed ha pubblicizzato l’iniziativa sul proprio sito web;
  • il Comune di Vercelli, in particolar modo il sindaco Maura Forte, entusiasta dell’iniziativa e della partecipazione della città a “Viva!”;
  • i relatori della conferenza “Senti il Battito”: Dr Luca Romano dello staff medico Juventus, Dr Germano Giordano, medico legale, responsabile S.S.D. Risk Management ASL Vc, istruttori IRC Dr. Marzia Bertolazzi, Dr Danilo Reale (S.C. Cardiologia ASL Vc ) e Dr Aldo Tua (S.S.D. Medicina e Chirurgia d’Accettazione e d’Urgenza ASL Vc);
  • la Prof. Laura Musazzo Delegato Provinciale del CONI ed insegnante;
  • La Provincia per i libri donati ai relatori;
  • La Polizia municipale che grazie all’addestramento e al DAE che hanno in dotazione ha già potuto salvare una vita;
  • L’istituto Alberghiero di Trino in particolar modo la Prof.Germana Vercellino che ha preparato i “biscotti del cuore” per rinfrancare i partecipanti alla camminata;
  • I cittadini di Vercelli senza i quali questa manifestazione non sarebbe stata possibile.

“Viva!” tornerà il prossimo ottobre ma la nostra campagna di sensibilizzazione, informazione e addestramento non finirà qui e lavoreremo per poter inserire anche Vercelli tra le città italiane cardioprotette.

Ricordiamo che Sul sito dell’ASL di VC e del Comune (http://www.aslvc.piemonte.it http://www.comune.vercelli.it/cms/) ci sono gli estremi per continuare a donare attraverso bonifico bancario intestato a Tesoreria Comune di Vercelli CF/PI 00355580028 IBAN IT x 06090 22308 000052666620 causale progetto VIVA.

Condividi questo contenuto
  •  
  •  
  •  
  •  

RENATA TORAZZO ORGANIZZA “VIVA!” A VERCELLI

COMUNICATO STAMPA

Renata Torazzo di SiAmo Vercelli organizza “Viva!” a Vercelli, in occasione della settimana europea di sensibilizzazione all’arresto cardiaco

Vercelli, 6 ottobre 2014

Il consigliere di SiAmo Vercelli Renata Torazzo ha organizzato per conto del Comune di Vercelli l’iniziativa “Viva!”, per la settimana europea di sensibilizzazione all’arresto cardiaco.

Il 14 giugno 2012 il Parlamento Europeo ha invitato gli Stati Membri a istituire una Settimana di sensibilizzazione dedicata all’arresto cardiaco. L’Italian Resusitation Council (IRC), il Gruppo Italiano per la Rianimazione Cardiopolmonare, è un’associazione scientifica senza scopo di lucro che conduce da anni un’intensa opera di formazione alla rianimazione cardiopolmonare ed ha accolto l’invito del Parlamento Europeo dando vita a “Viva!” la settimana per la rianimazione cardiopolmonare”, istituita per la prima volta nel 2013 (www.settimanaviva.it).

Quest’anno la settimana è stata fissata dal 13 al 19 ottobre 2014. In Piemonte parteciperanno a questo evento europeo diversi comuni delle Province di Asti, Cuneo, Torino e per la prima volta anche il Comune di Vercelli. Gli ambiti prioritari d’intervento per quest’anno sono la scuola e lo sport, oltre a lavoro, sanità, casa e luoghi pubblici.

“Obiettivo del Comune di Vercelli – ha affermato Renata Torazzo – è richiamare l’attenzione dei cittadini su un tema sociale di estrema importanza attraverso la realizzazione di una serie di eventi volti a informare e sensibilizzare la popolazione sull’importanza di conoscere e saper eseguire semplici e sicure manovre che possono salvare la vita a chi è colpito da arresto cardiaco improvviso. Un numero di persone pari ai passeggeri di due Jumbo Jet muore ogni giorno in Europa per arresto cardiaco improvviso.”

Di seguito il programma di Viva! a Vercelli.

  • martedì 14 e venerdì 17 ottobre 2014: informazione e sensibilizzazione della popolazione e dimostrazione pratica con il supporto gratuito della dr.ssa Marzia Bertolazzi, del Dr. Danilo Reale e dell’I.P. Laura Capellino istruttori BLS-D (Basic Life Support – Defibrillatore semiautomatico esterno) in piazza Cavour in orario di mercato
  • sabato 18 ottobre 2014: L’Italian Resusitation Council ha concesso l’importante opportunità di ottenere gratuitamente 12 brevetti BLS-D (Basic Life Support – Defibrillatore semiautomatico esterno) per il personale laico (non sanitario). Il corso di circa 4 ore si terrà presso le aule per la Formazione dell’A.S.L. VC, Ospedale S. Andrea ; il superamento della prova pratica permetterà di ottenere il tesserino di abilitazione all’utilizzo del defibrillatore semiautomatico esterno (DAE). Istruttori del corso saranno il Dr. D. Reale, la Dr.ssa M. Bertolazzi e l’I.P. Laura Capellino.
  • sabato 18 ottobre 2014: informazione e sensibilizzazione della popolazione e dimostrazione pratica con il supporto gratuito della Dr.ssa Roberta Petrino, responsabile SSD Medicina e Chirurgia d’Accettazione e d’Urgenza A.S.L. VC, nella mattinata in viale G. Garibaldi; nella stessa giornata sarà a disposizione dei ragazzi “Relive game” il videogioco didattico della campagna Viva! 2014.
  • Doppio appuntamento per domenica 19 ottobre 2014: “Camminata del Cuore” in collaborazione con il C.O.N.I. di Vercelli (prevista partenza verso le ore 8 dal piazzale antistante alla Basilica di S. Andrea con un percorso di circa 5 Km rappresentato dal giro dei viali principali e arrivo verso le ore 10 presso lo stesso piazzale) e conferenza “Senti il Battito”, Salone Dugentesco a partire dalle ore 10,00, rivolta alla popolazione che privilegerà le tematiche sport e scuola; porteranno il loro contributo e la loro esperienza il Dr. Fabrizio Tencone, direttore sanitario Isokinetic di Torino e coordinatore settore medico Juventus F.C., il Dr. Aldo Tua, SSD Medicina e Chirurgia d’Accettazione e d’Urgenza A.S.L. VC e istruttore BLS-D, il Dr. Germano Giordano, medico Legale responsabile SSD Risk Management A.S.L. VC, la Dr.ssa Marzia Bertolazzi e il Dr. Danilo Reale, S.C. Cardiologia A.S.L. VC, istruttori I.R.C. e Laura Musazzo Delegato Provinciale C.O.N.I. di Vercelli e insegnate.

“A partire dal 13 ottobre – ha concluso Renata Torazzo – sarà possibile sostenere il Comune di Vercelli con donazioni volte a diffondere la cultura dell’emergenza cardiologica, l’educazione e l’addestramento dei cittadini alla defibrillazione precoce e a dotare i luoghi di maggior affluenza di defibrillatori semiautomatici esterni.”

Condividi questo contenuto
  •  
  •  
  •  
  •  

PROPOSTA DI INTITOLARE UNA VIA A DON EUSEBIO REGGE

COMUNICATO STAMPA

SiAmo Vercelli proporrà di intitolare una via della città a Don Eusebio Regge

Vercelli, 29 luglio 2014

SiAmo Vercelli, primo firmatario la consigliera Renata Torazzo, presenterà una mozione per intitolare una piazza o via della città a Don Eusebio Regge, recentemente scomparso.

“La città” – sostiene Renata Torazzo – “deve molto a Don Eusebio. Anche al di là di ogni considerazione di carattere religioso, Don Regge ha costituito un punto di riferimento per il suo profondo impegno sociale. Vercelli, magari proprio nel ‘suo’ rione Concordia, può ricordarlo intitolandogli una piazza, o una via. Al prossimo Consiglio Comunale il gruppo di SiAmo Vercelli presenterà una mozione in tal senso.”

Condividi questo contenuto
  •  
  •  
  •  
  •