Archivi tag: Vercelli Amica

Prove di inciucio ?

inciucio

Vercelli, 27 febbraio 2016

All’inizio della settimana, sui uno dei giornali vercellesi ha tenuto banco la notizia del rimpasto di Giunta che porta a nove il numero di assessori, il massimo consentito dalla legge in barba a ogni promessa elettorale.

Qualcuno ha constatato che il Sindaco aveva provveduto all’ennesimo rimpasto per puntellare la sua maggioranza. Ma che, forse, non sarebbe bastato comunque. Forse bisognava aprirsi al supporto esterno di altre forze politiche, come Vercelli Amica, la forza di Enrico Demaria, il candidato sindaco che al ballottaggio si era opposto a Maura Forte.

Ebbene, quel che pareva incredibile a qualunque persona di buonsenso, è puntualmente avvenuto giovedì in Consiglio Comunale: in una votazione importantissima, legata all’approvazione del DUP, il documento di programmazione triennale – quello che definisce le linee di sviluppo della città, i consiglieri di Vercelli Amica si sono astenuti, venendo in aiuto al Sindaco.

Senza questo aiuto, il documento (che programma il futuro della città, ma – incredibilmente – non contiene una sola parola sul tema piscine o sulla salvaguardia del Sant’Andrea) non avrebbe ricevuto il voto positivo dal Consiglio !

Solo un caso ? Lo vedremo facilmente ai prossimi appuntamenti. Sarà facile verificare come si comporteranno le forze di opposizione: come voteranno o – perché anche questo conta, eccome – quando si assenteranno dal Consiglio per far mancare il loro voto.

E, in questo scenario, che fa SiAmo Vercelli?

Secondo qualcuno, se fossimo più “esperti” dovremmo – o avremmo dovuto nei mesi scorsi – trovare un’intesa.

Ma essere esperti significa sederci a pasteggiare a questa mensa ingloriosa? Perché, se è così, allora sì: SiAmo Vercelli è inesperta. E lo è orgogliosamente.

La verità, secondo noi, è invece che coerenza e trasparenza, rispetto di quanto promesso agli elettori, sono elementi fondamentali e imprescindibili per una politica diversa dal passato.

Anche il nostro apparentamento, e la successiva uscita dalla maggioranza – avendo constatato che il Sindaco voleva altro rispetto a quanto concordato e promesso ai cittadini – sono dettati da coerenza e trasparenza.

Inutile parlare di politica nuova e poi praticare il vecchio, pur di stare nella stanza dei bottoni.

Magari potrai passare per “esperto”, ma finirai per aggiungerti alla schiera di chi ha occupato posti di potere senza cambiare la Città di una virgola.

Trovare un’intesa a quale scopo, poi ! A fatica si ricorda un’amministrazione meno capace di quella del sindaco Forte di dare risposte ai problemi della città, con dimissioni a raffica e promesse non mantenute.

Non ci sorprende che ci siano puntelli al sindaco da ogni parte. SiAmo Vercelli è stata attaccata e (continuerà ad esserlo) con tutti i mezzi. Sia nel palazzo, che fuori. Anche con colpi sotto la cintura.

SiAmo Vercelli è isolata, perché – l’abbiamo detto quando siamo nati due anni fa – vogliamo non solo fare una politica nuova, ma anche farlo in un modo nuovo.

E persevereremo.

Se saremo bravi a farlo capire alla Città, e la Città ci seguirà, avremo, crediamo, fatto il bene di Vercelli.
Se non succederà, avremo almeno la soddisfazione di aver rifiutato compromessi al ribasso pur di occupare una poltrona.

E comunque andrà – esperti o no – non avremo fallito.

Condividi questo contenuto
  •  
  •  
  •  
  •  

SiAmo Vercelli vigila su sprechi e regalie della Giunta Forte

e-io-pago

Vercelli, 8 gennaio 2016

L’avevamo promesso, a chi ci aveva votato, nel momento in cui – per cause che si fanno sempre più evidenti a tutti – siamo usciti dalla Giunta: avremmo vigilato sull’operato dell’Amministrazione e, dall’opposizione avremmo fatto di tutto per operare per il bene della Città.

Ed è proprio quello che abbiamo dimostrato di fronte all’ultima grottesca vicenda degli oltre 74mila euro che stavano per essere buttati via dall’Amministrazione su studi del tutto inutili:

  • studio per la fattibilità di una scuola di cucina presso l’ex Enal, affidata all’immancabile Mecenate90
  • spostamento della biblioteca (serve uno studio da 24 mila euro ?)
  • studio per la promozione del riso in Cina (per piacere, non ridete) affidata …… ad un architetto di Torino (!)

SiAmo Vercelli si è attivata non appena reperite le informazioni e ha attuato un subitaneo assalto piuttosto rumoroso, insieme ad altre forze di opposizione, Lega e Vercelli Amica, pubblicando per prima un comunicato stampa.

Poi, solo successivamente,  quando ormai la frittata era fatta, il gruppo di Cambia Vercelli è intervenuto nella questione cercando, pare, di convincere il Sindaco a ritirare le delibere.

Forse l’assessore Coppo del gruppo di Cambia Vercelli, non si ricordava che quelle delibere grottesche le aveva votate lui stesso.

Forse era distratto dalle festività natalizie e solo dopo il nostro intervento ha avuto anch’egli, come i Re Magi, un’epifania?

Non ci raccontino, quelli della maggioranza, di essersi scandalizzati della vicenda.
Non ci crede nessuno.

Condividi questo contenuto
  •  
  •  
  •  
  •  

Un progetto per il Sant’Andrea. Ora serve dare seguito con atti concreti.

LuoghiDelCuore

Vercelli, 26 novembre 2015

Giovedì 19 novembre il FAI ha comunicato i risultati della seconda fase del concorso nazionale “I Luoghi del Cuore”, che è consistita nel valutare i migliori progetti di restauro o valorizzazione dei monumenti più votati durante la prima fase del concorso. Il budget a disposizione era limitato ad un massimo di 30 mila euro per ciascun progetto e quest’ultimo doveva anche essere cofinanziato al 30% con l’intervento di donatori esterni.

Tra 103 progetti presentati su scala nazionale ne sono stati scelti 15 e, tra questi, quello ideato dal team di SiAmo Vercelli per l’Abbazia di Sant’Andrea,  in collaborazione con Enrico Demaria di Vercelli Amica e in coordinamento con la Presidentessa del FAI di Vercelli, Arch. Maria Bice Sartoris.

Tra i donatori esterni, hanno dato il loro appoggio la Fondazione CRV, Atena SpA, Unione Interprovinciale Agricoltori di Vercelli e Biella, ATL Valsesia e Risi&Co.

E’ evidente a tutti che il Sant’Andrea ha bisogno di significativi restauri ma, con il budget a disposizione per questo bando, non si sarebbe potuto mettere mano nemmeno ad una singola volta del complesso.

Il bisogno di restauri, inoltre, non è l’unica emergenza dell’Abbazia.

L’altra vera emergenza è che i vercellesi hanno tra le mani uno dei più importanti monumenti d’Italia e non stanno facendo abbastanza per valorizzarlo e farlo conoscere al mondo. C’è qualche associazione, come ad esempio l’Associazione Chesterton, che svolge da alcuni anni una meritoria attività di divulgazione, ma è fondamentale unire le forze e fare di più.

Il visitatore che oggi volesse visitare l’Abbazia non ha a disposizione nulla che gli spieghi l’importanza del luogo che sta visitando e deve avvalersi di guide tascabili spesso inadeguate, basate su una storiografia modesta, copiata sempre dalle stesse fonti.
La verità, infatti, è che della nostra Abbazia si sa ancora poco, mentre occorrerebbe indagare maggiormente nella sua storia che è ricchissima e che, se opportunamente presentata e raccontata, sarebbe in grado di attirare molti più visitatori, a beneficio anche degli altri monumenti della nostra città.

Per massimizzare il ritorno di un budget limitato, abbiamo quindi deciso di puntare su un progetto che contribuisse alla valorizzazione del nostro monumento più caro.

L’idea di un sistema multimediale avrà l’obiettivo di far conoscere il Sant’Andrea al mondo intero e di attirare sempre più visitatori.

Grazie al FAI, questa iniziativa ha già portato dei risultati concreti: nei prossimi giorni il nostro Sant’Andrea sarà pubblicizzato su scala nazionale come mai è stato fatto.

Più visitatori e maggiore attenzione mediatica sono premesse importanti per rendere possibile l’arrivo di quelle risorse finanziarie che sono indispensabili per i restauri. E’ sufficiente guardare cosa fanno i conservatori dei monumenti più importanti nel mondo per capire che è così.

In questo filone si innesta la mozione di SiAmo Vercelli, approvata all’unanimità dal Consiglio Comunale, volta a istituire la Fabbrica del Sant’Andrea, per la sua conservazione e valorizzazione.
Sono passati ormai diversi mesi. Occorre che la giunta, che deve dare seguito alla cosa, si attivi nei tempi più brevi possibili.

Insieme al Sindaco e a quanti hanno dato il loro contributo, è stato deciso di organizzare una conferenza stampa per oggi alle 18:30 in Comune, dove verrà illustrato l’intero progetto.

Condividi questo contenuto
  •  
  •  
  •  
  •  

SiAmo Vercelli presenta un’interrogazione sugli episodi di criminalità nel centro storico

Vercelli, 3 novembre 2015

Durante l’ultimo Consiglio Comunale del 29 ottobre scorso, si è discusso un ordine del giorno relativo al rafforzamento dei presidi delle forze dell’ordine nel Centro Storico della nostra città.

Il voto del Consiglio Comunale, che ha approvato il punto, segue quello del 30 ottobre 2014, in cui era stata approvata, all’unanimità, una mozione di SiAmo Vercelli, emendata da Vercelli Amica, in cui si chiedeva di intensificare i controlli nelle zone centrali della città, colpite da problematiche di degrado e vandalismo.

Il tema quindi, dopo un anno, è sempre più attuale, basti considerare gli ultimi episodi riportati da residenti e negozianti della zona di Via San Michele, Via Leone e via Gioberti che sono colpiti da atti di vandalismo di ogni genere e continuano, giustamente, ad esternare lamentele per l’incresciosa situazione.

Oltre agli ormai purtroppo “abituali” atti di vandalismo, sono stati segnalati, nelle stesse zone, anche episodi di spaccio di stupefacenti.

SiAmo Vercelli ritiene che l’Amministrazione Forte, che pare per ora sorda alle legittime lamentele dei cittadini, debba intervenire con forza per stroncare questo malcostume ormai diffuso in alcune zone della nostra città.

Pensiamo che non sia sufficiente, come dichiarato in Consiglio da alcuni esponenti del PD locale, che con tale ragione hanno motivato il voto contro il rafforzamento dei presidi delle forze dell’ordine,  affidarsi solo ad aspetti culturali ed educativi per contrastare il fenomeno.

I Consiglieri di SiAmo Vercelli, hanno pertanto presentato questa mattina un’interrogazione al Sindaco per sapere se si sia proceduto all’intensificazione dei controlli, considerando anche che si conoscono i presunti responsabili di tali azioni.

Si vuole conoscere, inoltre, se si è proceduto a verificare che i bar delle zone interessate rispettino il Regolamento Comunale di Polizia Amministrativa quanto a presenza di macchine per il gioco, occupazione di suolo pubblico, limiti acustici, orari, somministrazione bevande e come si intenda intervenire per tutelare i cittadini residenti in quest’area e i passanti che spesso si ritrovano bersaglio di tali vandalismi

Attendiamo la risposta del Sindaco: sicuramente continueremo a vigilare affinché Vercelli non divenga terra di nessuno.

Condividi questo contenuto
  •  
  •  
  •  
  •  

Il Sindaco e la nuova maggioranza bocciano la mozione per il contrasto dell’abbandono dei rifiuti nelle strade

Vercelli, 31 luglio 2015

Riprendendo quanto scritto da un noto autore vercellese, proprio in questi giorni, una delle cose che i cittadini chiedono è semplicemente quella di avere la città pulita.

Ed è incontestabile il fatto che Vercelli non lo sia, soprattutto negli ultimi mesi.

In diversi punti della città vengono abbandonati rifiuti in modo indiscriminato e incivile. L’immondizia  cumulata nelle strade è causa della proliferazione di colonie di topi nonché, se data alla combustione, come testimoniato direttamente da numerosi cittadini, della propagazione di fumi tossici che possono pregiudicare la salubrità dell’ambiente, oltre che il decoro urbano.

Anche SiAmo Vercelli, come l’autore citato, ritiene che, in primis, occorrerebbe controllare e sanzionare i cittadini maleducati che sporcano la città.

Per questo motivo abbiamo presentato, nel Consiglio Comunale del 27 luglio scorso, una mozione che prevedeva di adottare misure preventive come l’acquisto di una o più telecamere mobili da installare, periodicamente, nei vari punti della città e l’aumento della vigilanza, utilizzando anche personale in borghese, nei pressi delle zone più colpite da tali fenomeni.

Abbiamo chiesto, inoltre, in sintesi, di applicare, a chi viene sorpreso ad abbandonare rifiuti, la misura massima della sanzione prevista dal regolamento (500 euro), prevedendo un meccanismo di inasprimento sanzionatorio per i recidivi.

Le proposte sono state bocciate dal Sindaco Forte che ha, tra le sue numerosissime deleghe, anche quella dell’ Assessorato all’Ambiente. In Consiglio ha, infatti, affermato che telecamere e personale in borghese vengono già utilizzati e che una sanzione di 500 euro appariva troppo onerosa.

Tali affermazioni ci preoccupano ancora di più perché, se già esistono telecamere e personale in borghese, nessuno in città se ne è accorto: i risultati ci paiono assolutamente insufficienti, visto che Vercelli appare sempre più sporca e disordinata.

Non siamo neanche d’accordo sulla sottovalutazione dell’aspetto sanzionatorio: chi sporca e lascia i suoi rifiuti in strada commette un illecito e quindi deve pagare.  La tolleranza per questi incivili deve essere zero.

Non è sufficiente, secondo noi, quanto ha suggerito il Sindaco durante il Consiglio, ovvero affrontate il problema con l’educazione dei cittadini al senso civico.

Tale aspetto è certamente rilevante, ma va affiancato a misure preventive e sanzionatorie, altrettanto, se non più, importanti, per avere la certezza della “pena”: se si compiono atti incivili, si va incontro a una punizione sicura ed esemplare.

Un’altra proposta, contenuta nella mozione, era quella di attivare un indirizzo mail a cui segnalare, ad esempio tramite fotografie, condotte illecite compiute da persone, fornendo elementi per intervenire in modo efficace e circostanziato.

Anche questa proposta è stata bocciata dal Sindaco che ha citato il sito “Decoro Urbano” come se fosse la stessa cosa.

Quest’ultimo è certamente utile a denunciare situazioni di degrado già verificatesi, ma il senso della nostra proposta era chiaramente preventivo.

Peraltro, l’inefficienza dell’Amministrazione su questo fronte – su cui in passato SiAmo Vercelli, già nel periodo in cui era presente in Giunta, aveva richiamato il Sindaco a una maggior focalizzazione  – emerge anche dai dati su Vercelli presenti sul sito decorourbano.org: ad oggi, su 397 episodi rilevati, ne risultano risolti 175: neanche la metà !
Apprezzabile era stata l’iniziativa dell’allora Assessore Pistono di attivare questo strumento di segnalazioni (in cui sono i cittadini ad attivarsi per evidenziare situazioni che richiedono un intervento), ma l’impegno dell’Amministrazione deve concentrarsi sulla loro risoluzione. Qui il lavoro l’hanno fatto per lo più i cittadini !
Decine di segnalazioni non ancora risolte risalgono addirittura a settembre del 2014, quasi un anno fa !

Rassicuriamo i cittadini vercellesi che, anche su questo tema, continueremo a vigilare l’(in)operato dell’Amministrazione Forte, che ha dimostrato, con il solito pressapochismo, di sottovalutare il problema cassando questa proposta, così come le altre presentate da SiAmo Vercelli nei mesi precedenti: ad esempio la mozione sulle deiezioni canine abbandonate in strada o quella contro il degrado di Volto dei Centori, approvata all’unanimità ad ottobre 2014, ed estesa, grazie all’apporto di Vercelli Amica, a tutto il Centro Storico, ma a cui non è stato dato ancora seguito.

Condividi questo contenuto
  •  
  •  
  •  
  •  

SOSPESA MOZIONE PER MODIFICHE ALLO STATUTO COMUNALE

COMUNICATO STAMPA

SiAmo Vercelli, come affermato sin dalla campagna elettorale, condivide l’esigenza di modifiche dello statuto e dei regolamenti comunali.

Concordata con Vercelli Amica la sospensione della relativa mozione per consentire di affrontare insieme la tematica con i dovuti approfondimenti.

Vercelli, 12 gennaio 2015

All’ordine del giorno del Consiglio comunale di giovedì prossimo era prevista una mozione presentata dai consiglieri comunali di Vercelli Amica per l’istituzione di una commissione ad hoc incaricata di apportare modifiche allo Statuto del Comune e al Regolamento del Consiglio comunale.

I consiglieri comunali  di SiAmo Vercelli, pure interessati a loro volta ad una revisione sia dello Statuto sia del Regolamento, per migliorare i meccanismi della trasparenza e dell’efficienza della macchina comunale, nell’interesse dei cittadini, hanno chiesto ai colleghi di minoranza di Vercelli Amica di sospendere la discussione della loro mozione, per approfondire assieme l’argomento, anche con l’ausilio di esperti esterni, tenendo pure conto delle preziose indicazioni degli uffici comunali. Vercelli Amica ha accettato la proposta dei consiglieri di maggioranza, ed i due gruppi consiliari lavoreranno in sintonia per arrivare a proposte operative, da sottoporre successivamente all’attenzione di tutti gli altri gruppi consiliari e delle relative commissioni. Un’intesa, tra maggioranza e minoranza che non potrà che portare a risultati significativi a vantaggio della cittadinanza, che verrà  puntualmente informata sullo stato dei lavori.

Condividi questo contenuto
  •  
  •  
  •  
  •