TOUR DELLE ERBACCE: SIAMO PASSATI ALL’AZIONE

Vercelli, 10 luglio 2017

Giovedì 6 e domenica 9 luglio, armati di palette, scope e zappe, abbiamo cominciato il tour delle erbacce, intervenendo in piazza del Tribunale, via Mella e la parte finale di via Duomo.
Chi è passato e ci ha visti all’opera, ha commentato con favore e incoraggiamento. Già, perché siamo tutti consapevoli che non tocca ai volontari la pulizia della città e che paghiamo le tasse perché il Comune provveda, però allo stesso tempo, in assenza di ogni attività o risposta del Comune, bisognerà pur fare qualcosa!

Così SiAmo Vercelli si è messa in azione in maniera concreta: pulizia dei marciapiedi e azioni in Consiglio comunale.
Da una parte strappavamo l’erba e la mettevamo in sacconi, che consegneremo al Sindaco nei prossimi giorni, dall’altra protocollavamo un’interrogazione e una mozione. Con queste, invitiamo il Sindaco a riferire sullo stato delle erbacce in città, sul contratto di servizi che c’è tra il Comune e Atena, sulla soddisfazione circa i risultati di questo servizio svolto da Atena. E sulle azioni, casomai fossero state intraprese a nostra insaputa, per tutelare il Comune verso inadempienze vistose da parte del fornitore del servizio.

Più di un dubbio ci affligge, però: ma in Comune, qualcuno controlla l’operato di Atena? qualcuno va in giro a verificare se le strade e i marciapiedi sono puliti, o semplicemente percorribili dai cittadini? Qualcuno guarda se i tombini scaricano quando piove oppure sono pieni di erba? qualcuno in Comune si interessa di quel che pensano i vercellesi?
Non sembra un compito difficile: tenere in ordine e pulita la casa è qualcosa che ognuno di noi fa abitualmente. Possibile che non ci riesca chi si vanta di aver portato Amazon in città?

Bando alle ciance, noi torniamo in campo in settimana per la terza e quarta puntata del tour delle erbacce. Il ritrovo è davanti alla nostra sede di via San Paolo, rispettivamente alle 17.45 di mercoledì 12 e alle 8.45 di sabato 15 luglio. L’invito è a tutti quelli che non si arrendono e vogliono cambiare (il mondo).

Condividi questo contenuto
  •  
  •  
  •  
  •  

2 commenti su “TOUR DELLE ERBACCE: SIAMO PASSATI ALL’AZIONE”

  1. Purtroppo le erbacce sono meno fastidiose e sgradevoli delle merxxcce e delle pisciate dei cani sparse in tutta la città, con picchi di concentrazione nel centro della città. Per non parlare di cicche, carta, bottiglie e ogni altra cosa non più utilizzabile…. Questo problema sociale ha la sua radice in una deficienza culturale dell’amministrazione e dei cittadini ormai assuefatti alla progressiva apoptosi (morte programmata) dei valori fondanti la convivenza civile e lo sviluppo civile della società italiana. Il discorso si fa lungo e complesso. In sintesi credo si debba risvegliare la coscienza civile dei cittadini e degli amministratori con iniziative culturali e con una battaglia politica da condursi nelle sedi adatte (es.: consiglio comunale, mezzi di comunicazione, scuole, piazze ecc.)). La democrazia è un mix di diritti e di doveri, che non si realizza con slogans alla Renzi, alla Grillo, alla Salvini o alla Berlusconi, ma con comportamenti e ragionamenti virtuosi! Il rispetto reciproco e la buona educazione vanno propagandati con fermezza e gentilezza, ricordando a tutti che, in teoria, siamo tutti uguali con uguali diritti e con uguali doveri. E chi non tiene conto di queste semplici norme deve essere corretto in modo congruo e sicuro! La mia libertà di azione finisce dove inizia la tua libertà: impariamo e insegniamo il rispetto reciproco! Scusate se vi ho rubato del tempo!!!

    1. Grazie del commento, Ferdinando. Come lei, siamo convinti che si debba lavorare su più piani – strade, consiglio comunale, giornali – e che serva tanta determinazione. L’esempio sarà trascinante, l’entusiasmo contagioso, le coscienze si risveglieranno. Insomma, siamo degli ottimisti!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *