Un sistema multimediale per i visitatori dell’Abbazia di Sant’Andrea

Vercelli_Sant_Andrea_Facciata_Lunetta_Centrale

Vercelli, 19 ottobre 2015

Un anno fa, in questo periodo, la nostra comunità era impegnata nella raccolta firme per eleggere l’Abbazia di Sant’Andrea “Luogo del Cuore”, nell’ambito dell’omonimo concorso nazionale organizzato dal FAI. Con grande impegno ed entusiasmo abbiamo raccolto ben 15.582 firme, facendo risultare il nostro Sant’Andrea il secondo monumento più votato del Piemonte e 18-esimo a livello nazionale.

Non è stato possibile vincere il primo premio ma questo risultato ci ha permesso di partecipare alla seconda fase del concorso, che consente ai monumenti più votati di concorrere per il finanziamento di un progetto di valorizzazione, fino a 30 mila euro.

Negli scorsi mesi, un gruppo di lavoro di SiAmo Vercelli, guidato da Paolo Dallera e Paola Lamberti, ha ideato una proposta e, in collaborazione con Enrico De Maria di Vercelli Amica e in coordinamento con la Presidentessa del FAI di Vercelli, Arch. Maria Bice Sartoris, ha presentato il progetto: un sistema multimediale per guidare il visitatore nell’Abbazia di Sant’Andrea.

La proposta, altamente innovativa, si configura come un primo passo importante, suscettibile di ulteriori sviluppi, per accrescere la visibilità dell’Abbazia, aumentare i visitatori e porre le basi per future strategie di raccolta fondi, necessarie a ottenere risorse per la sua conservazione. Inoltre, non occorre dimenticare che l’importanza del Sant’Andrea è tale da attirare visitatori che altrimenti non avrebbero interesse a venire a Vercelli. Esso potrà quindi fare da volano per gli altri tesori artistici e monumentali, creando ricadute economiche a beneficio di tutta la città.

I risultati del concorso verranno resi noti dal FAI a metà novembre e ci auguriamo che il progetto per il Sant’Andrea possa essere tra quelli prescelti.

Condividi questo contenuto
  •  
  •  
  •  
  •  

Un pensiero su “Un sistema multimediale per i visitatori dell’Abbazia di Sant’Andrea”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *